Rifinanziamento dei Prestiti Personali

Il rifinanziamento dei prestiti personali è la procedura con la quale si richiede un nuovo prestito per estinguerne altri passati. Vediamo i vantaggi di questa richiesta, chi può farne domanda e che eventuali alternative ci sono.

Pubblicità
Prestiti facili e veloci...
... a portata di click!
Preventivo Gratuito »

Si parla di rifinanziamento di un prestito personale per intendere la procedura con la quale si richiedere un finanziamento con il solo obiettivo di estinguere una serie di altri prestiti personali che sono stati accesi in passato e che ora potrebbero pesare troppo sul proprio budget mensile.

Cos’è il rifinanziamento dei prestiti e che vantaggi ha?

La procedura di rifinanziamento, nota anche come consolidamento del debito, dà il vantaggio di poter pagare, ogni mese, una somma di denaro inferiore rispetto alla somma delle rate che erano pagate in precedenza.

Potrai pertanto usufruire di un minor costo mensile da dover sostenere per le rate del finanziamento, con un certo beneficio per il tuo budget che potrà essere impiegato in altri modi.

Come richiedere il rifinanziamento dei prestiti in corso

Il rifinanziamento dei prestiti, o consolidamento debiti, può essere chiesto direttamente presso una società finanziaria o una banca, specificando che l’obiettivo per il quale si sta chiedendo la somma di denaro in prestito è quello di estinguere dei finanziamenti precedenti.

A seconda della finanziaria presso cui chiedi tale somma di denaro, l’estinzione degli altri finanziamenti può essere fatta dalla finanziaria o dovrà essere fatta direttamente da te.

Nel primo caso è la società finanziaria che si occuperà di entrare in contatto con la tua "vecchia" finanziaria, accordandosi su come estinguere il debito. Nel secondo caso ti verrà accreditato l'importo che hai richiesto sul conto corrente e dovrai provvedere tu all'estinzione dei tuoi debiti precedenti. Tra le due soluzioni, per ovvi motivi di praticità, la prima è indubbiamente la più praticata in assoluto.

Caratteristiche e vantaggi del rifinanziamento debiti

Dato che si tratta di una pratica ex novo, la durata del nuovo prestito sarà più lunga rispetto ai quella dei finanziamenti precedentemente accesi. Di conseguenza, alla fine del rimborso del nuovo prestito, il costo totale che si sarà pagato per gli interessi sarà indubbiamente più elevato rispetto a quello che si sarebbe sostenuto se si fosse continuato con i vecchi finanziamenti, ma bisogna considerare il vantaggio di poter pagare una minor rata mensile.

A chi viene concesso?

Come per ogni tipologia di finanziamento, la banca soppesa con attenzione rischi e benefici di concedere un nuovo finanziamento. Si valutano, nello specifico, l'affidabilità creditizia del richiedente e il suo livello di reddito.

Nel primo caso l'istituto di credito va a guardare tra le centrali di rischi per trovare delle segnalazioni come cattivo pagatore che possano riguardare il richiedente e possiamo sicuramente affermare che non aver avuto problemi di debito in passato aiuta notevolmente.

Nel secondo caso, invece, ogni banca applica delle sue regole, ma in linea generale possiamo dire che minore è il rapporto tra la rata mensile e il reddito mensile del richiedente, maggiori probabilità ci sono di vedersi concesso il prestito. Per fare un esempio, a parità di altre condizioni la banca concederà più facilmente un prestito a chi ha un reddito mensile di 2.000 euro e dovrà ripagarne 200 al mese (l'importo della rata è il 10% dello stipendio), che a chi ha un reddito mensile di 600 euro e dovrà ripagarne 200 al mese (l'importo della rata, in questo caso, è il 33% dello stipendio).

Banche ed agenzie finanziarie che offrono prestiti consolidamento debiti

Mutuo per il consolidamento dei debiti, un'alternativa

Oltre che il prestito consolidamento, esiste anche il mutuo consolidamento, che ha le stesse finalità: riunire le rate dei prestiti. In questo caso, però, il mutuo ha dei costi maggiori rispetto al singolo prestito, dato che bisogna sostenere, tra gli altri, il costo del notaio, che per l’accensione di un finanziamento personale non è necessario.

Inoltre, come per tutti i mutui, sarà richiesta una garanzia reale data solitamente dall'ipoteca su un immobile di proprietà (neanche questo particolare è richiesto nel caso di accensione di un prestito).

Alla fine, la scelta tra prestito e mutuo di consolidamento deve essere fatta dall'utente. Per poter avere una migliore idea ti invitiamo a leggere i nostri consigli su quando è meglio consolidare un prestito.

Di questa guida fanno parte anche:

Prestiti Consolidamento Debiti
Raggruppare tutte le rate in una più bassa
Riunire Tutte le Rate, Scopri tutti i Segreti
Consolidamento Debiti per Pensionati: la Cessione del Quinto e il Prestito Vitalizio

Autore: Gino Topini

Pubblicità
Preventivo Gratuito e Senza Impegno »

Giudizi e Recensioni:

Nome *

Email *
(non verrà pubblicata)

Il tuo commento

Lasciando un commento, accetti le condizioni di privacy e di ricevere newsletter (no Spam!) con Offerte e Informazioni su prestiti e finanziamenti.