Prestiti per i Giovani Disoccupati: limiti ed opportunità 2017

Parliamo in maniera approfondita di prestiti per giovani disoccupati, senza lavoro, e vediamo che soluzioni possibili ci sono e in che maniera si riesce a trovare credito.

Pubblicità
Prestiti facili e veloci...
... a portata di click!
Preventivo Gratuito »

Per gli istituti di credito, i giovani sono una categoria molto particolare, in quanto nella maggior parte dei casi non hanno una storia creditizia sufficiente a poter garantire l'ottenimento di una grande somma di denaro.

Altri casi che possono limitare l'ottenimento di finanziamenti per i più giovani sono i casi in cui essi abbiano un lavoro a tempo determinato o siano senza lavoro. Del primo caso ce ne occupiamo in questo articolo, del secondo ne parliamo ora, per cui continua a leggere.

Prestiti per Giovani Senza Lavoro: limiti ed opportunità 2017

I prestiti per i giovani disoccupati sono soluzioni che possono essere richieste presso le banche o presso le società finanziarie a condizioni che ci siano delle garanzie aggiuntive che vanno a copertura dei rischi per l'istituto che concede il finanziamento.

Ma, ci chiediamo, quanto è probabile riuscire ad ottenere dei prestiti tra giovani senza lavoro? Che possibilità ci sono, per chi ha meno di 25 / 35 anni e non ha un impiego, riuscire a trovare un lavoro?

I prestiti per i giovani disoccupati: quali sono i limiti per i finanziamenti ai giovani senza lavoro?

La condizione fondamentale per poter avere dei prestiti per i giovani, anche se disoccupati, è proprio quella della fornitura di garanzie adeguate, che vengono richieste dalla banca o dall'istituto di credito a copertura dei rischi.

Solitamente si parla di prestiti per i giovani fino a quando il richiedente ha 35 - 40 anni circa.

La differenza rispetto ad altre soluzioni di finanziamento potrebbe spesso essere il tasso di interesse applicato al prestito, a volte più vantaggioso rispetto ai classici finanziamenti personali.

Un esempio concreto di questo sono i mutui per la prima casa, soluzioni con cui tutti ed in maniera particolare i giovani possono acquistare la prima abitazione. Spesso, infatti, questi finanziamenti per comprare casa hanno dei tassi di interesse più vantaggiosi rispetto a mutui classici, usati per acquistare immobili oltre la casa di residenza principale.

Che alternative ci sono?

E' realmente difficile, per un giovane senza lavoro, riuscire a trovare un prestito che sia davvero conveniente.

Che alternative ci possono essere, allora? Che consigli si possono seguire?

  1. Scegliere prestiti di piccoli importi. Più basso è l'importo che si richiede, più semplice è riuscire ad ottenere credito. Per cui, riuscire a limitare la propria richiesta a solo 1.000 euro , ad esempio, potrebbe aumentare le possibilità di successo. Tra i più famosi c'è il Piccolo Prestito Postepay;
  2. Scegliere istituti di credito in cui si è "noti": se, ad esempio, si ha già un conto corrente presso una banca, oppure se i propri genitori sono clienti da tempo di una certa banca, potrebbe essere più semplice riuscire ad avere successo nella domanda;
  3. Optare per i prestiti tra privati: si tratta di un finanziamento che, in alcuni casi, può essere più semplice da richiedere ed ottenere. Non è sempre il caso, anche perché le società che si occupano di gestire i finanziamenti tra privati sono vere e proprie società finanziarie autorizzate dalla Banca d'Italia, ma a volte si potrebbero trovare delle soluzioni che, altrove, non si trovano;
  4. Rivolgersi a parenti ed amici: in Italia si possono fare anche dei prestiti tra parenti, in maniera gratuita e non fruttiferi. Pensiamo ai genitori che prestano dei soldi ad un figlio, ad esempio. La regola fondamentale è che il pagamento sia tracciabile (bonifico bancario, ad esempio).

Prestiti per giovani disoccupati senza garanzie

Come anticipato, la presenza di una garanzia è fondamentale per riuscire ad ottenere dei prestiti per disoccupati, senza di essa la risposta dell'istituto di credito sarà molto probabilmente negativa.

Detto questo, che garanzie sarebbe necessario fornire?

  • garanzia personale, ovvero una fidejussione, cioè la garanzia fornita da un'altra persona (un genitore, un parente, il partner, un amico) con la quale egli o ella si impegna a pagare le rate se il debitore principale (cioè, chi richiede il prestito) non adempie;
  • garanzia reale, ad esempio nel caso di affitto di un immobile di proprietà, o se si hanno altre entrate fisse mensili con cui garantire il pagamento regolare delle rate.

In entrambi i casi, tuttavia, occorre tenere presente che si tratta sempre di garanzie secondarie, accessorie a quella principale che rimane comunque la presenza di un lavoro.

Per questo motivo i giovani senza lavoro potrebbero comunque non riuscire ad ottenere credito da parte di una banca o una finanziaria.

Prestiti online per disoccupati

Una delle alternative che si potrebbero avere in termini di prestiti per senza lavoro è quella dei finanziamenti online, soprattutto se si tratta di piccoli prestiti su internet.

Diciamo che a livello di garanzie non cambia nulla, nel senso che anche se si fa richiesta di prestito su internet, comunque bisogna offrire delle garanzie.

Un'alternativa interessante, che si trova solo online, sono i prestiti tra privati. In pratica, questi finanziamenti sono offerti da altri privati, che mettono a disposizione il proprio denaro da prestare ad altre persone tramite un'agenzia finanziaria apposita che ha lo scopo di far incontrare domanda e offerta di denaro.

In Italia le due società leader nel prestito tra privati, anche per giovani, sono Smartika e Prestiamoci. Entrambe propongono soluzioni interessanti e competitive in termini di tassi, aperte spesso anche ai giovani cattivi pagatori o protestati.

Prestiti per disoccupati per inizio attività

Per tutti i giovani che vogliono iniziare una nuova attività economica ci sono degli enti, regionali o anche europei, che hanno previsto dei fondi da concedere come prestiti a fondo perduto o come finanziamenti a condizioni agevolate, con cui poter iniziare una nuova attività economica.

In questo caso, a seconda delle condizioni del finanziamento, si può anche ricevere tutta la somma a fondo perduto.

In questo caso, la garanzia viene offerta di solito dall'ente che organizza il concorso, che sia la Regione, lo Stato o direttamente l'Unione Europea.

Prestiti per giovani casalinghe

Una casalinga, ovvero una donna che non lavora ma che ha deciso di rimanere a casa, non ha grandi opportunità di chiedere in prestito denaro perché quello della casalinga è un impiego non remunerato e, in quanto tale, non fornisce la giusta garanzia economica.

Nonostante questo, ci sono alcune finanziarie che propongono dei prestiti per le casalinghe, ne abbiamo già parlato qui su Prestiti Online Italia, le cui caratteristiche principali sono in genere due:

  • chiedono comunque delle garanzie, che possono essere fornite dal marito o dal partner;
  • la somma di denaro richiebile non supera quasi mai i 1.000 / 2.000 / 3.000 euro (sono quindi dei piccoli prestiti personali).

Prestiti per i giovani

Se hai già un lavoro e sei semplicemente alla ricerca di un prestito con cui finanziare l'acquisto di un'auto o di una moto, oppure ancora di un computer, ad esempio, ecco alcuni esempio di prestiti per i giovani:

  • Prestiti per Giovani Imprenditori, Cava At Work
  • Futuri in Prestito: Finanziamenti Agevolati per i Giovani genovesi
  • Prestiti Giovani: Tuttofare di Banca Antonveneta
  • Prestiti Giovani Banca Intesa Sanpaolo
  • Mutuo Giovani Prestiti Online Italia
  • Finanziamento Giovani Compass

In questo caso, sempre a seconda della società finanziaria, puoi richiedere sia prestiti con contratto di lavoro a tempo determinato che con contratto a tempo indeterminato.

Prestiti per i Giovani Disoccupati, in conclusione

Abbiamo detto, dunque, che trovare dei prestiti per giovani senza lavoro, disoccupati, non è semplice e che è fondamentale offrire delle garanzie, anche se ci sono delle soluzioni "ad hoc".

Abbiamo detto che è difficile ottenere credito per un giovane senza lavoro, e lo confermiamo anche in chiusura. L'assenza di un lavoro, sommata anche alla giovane età, rende davvero complesso poter ottenere credito, spesso anche per piccoli importi.

Tuttavia, tentare non nuoce, a condizione di sapere cosa fare in caso di rifiuto del prestito.

Tuesday, 19 September 2017 - Autore: Gino Topini

Giudizi e Recensioni:

Nome *

Email *
(non verrà pubblicata)

Il tuo commento

Lasciando un commento, accetti le condizioni di privacy e di ricevere newsletter (no Spam!) con Offerte e Informazioni su prestiti e finanziamenti.