.

Prestiti INPS, la guida

I Prestiti INPS: soluzioni comode e vantaggiose per ottenere piccole somme di denaro in prestito, ma anche somme più consistenti tramite cessione del quinto dello stipendio. Vediamo in questa guida sui Prestiti INPS come richiederli ed altre info utili.

Pubblicità
Prestiti facili e veloci...
... a portata di click!
Preventivo Gratuito »

I prestiti INPS o ex INPDAP vengono concessi ai dipendenti pubblici o ai pensionati direttamente dall’Istituto Nazionale della Previdenza Sociale con modalità simili a quelle offerte dai comuni istituti di credito. Allora perché dovrebbero essere preferiti a quelli di una banca? Il motivo è che offrono dei vantaggi pensati proprio per i lavoratori e ottenerli è molto più semplice di quanto si possa pensare.

Prestiti INPS per dipendenti pubblici e pensionati

Innanzitutto, chiariamo che non esistono prestiti INPS per dipendenti privati, i quali possono rivolgersi alle banche o istituti di credito. I prestiti INPS per dipendenti pubblici possono essere di 2 tipi, i piccoli prestiti e  i prestiti pluriennali.

Nel primo caso, come si può intuire dal nome, è possibile ottenere dei finanziamenti ridotti compresi tra una e otto mensilità. Invece, per quanto riguarda i prestiti pluriennali diretti, questi non possono essere superiori a 5 o 10 anni, arco di tempo nel quale le rate vanno completamente smaltite tramite cessione di un quinto dello stipendio percepito.

Il vantaggio di sapere che le rate verranno estrapolate direttamente dal proprio stipendio è che non c’è il rischio di dimenticarsene e si potrà provvedere al saldo del finanziamento senza rendersene conto. Un altro vantaggio dei prestiti INPDAP (o ex INPDAP) è che, pur mantenendo una garanzia di restituzione del prestito anche in caso di morte, questo non si avvarrà degli eredi.

Per quanto riguarda i prestiti INPS per pensionati, la procedura è molto simile a quella dei prestiti INPS per dipendenti pubblici. Rimane la cessione del quinto sulla pensione e, in questo caso, i prestiti INPDAP non possono superare le 120 rate e il livello del finanziamento concesso dipende dalla pensione netta percepita. Il vantaggio dei prestiti INPS per pensionati è che vengono offerti a persone fino a 90 anni, caratteristica difficile da ottenere in un qualunque istituto di credito.

Un pensionato, prima di poter accedere ai prestiti INPS o INPDAP, deve ottenere presso l’istituto di credito la comunicazione di cedibilità della pensione, contenente la quota massima che può essere prelevata mensilmente dalla stessa.

Inoltre, sia in caso di dipendenti pubblici che di pensionati, deve essere stipulata una copertura assicurativa per tutelare sia il fornitore che chi riceve il finanziamento.

Preventivo dei prestiti INPS e come richiederli

Richiedere un prestito è molto semplice e basta collegarsi al portale dell’Istituto Nazionale della Previdenza Sociale e compilare l’apposito modulo fornito, inviandolo telematicamente o per posta. Per ottenere un preventivo dei prestiti INPS viene fornito un apposito strumento che consente di calcolare l’importo del prestito che è possibile ottenere, le rate mensili e altri importanti dettagli. Per farlo basta collegarsi ai servizi online messi a disposizione dal sito.

Richiedere un prestito dall’Istituto di Previdenza può dimostrarsi, quindi, molto vantaggioso, anche se non è mai sconsigliato confrontare le diverse proposte prima di decidere se affidarsi a questo o a una banca.

Di questa guida fanno parte anche:

INPS area riservata: richiesta PIN INPS e domanda prestiti

Autore: Gino Topini

Pubblicità
Preventivo Gratuito e Senza Impegno »