Prestiti per i Pensionati

I prestiti per i pensionati, soluzioni per chi gode di una pensione di anzianità e ha bisogno di un finanziamento per sé, per i figli o per i nipoti. Prestiti concessi con la cessione del quinto della pensione.

Calcola la rata del prestito
Importo:
Impiego:
Finalità:
Durata:
Email:

BNL Banca BNL Banca

  • Durata: massimo 120 mesi
  • Importo massimo: 90.000 €
  • Nuova convenzione INPS sottoscritta il 14 novembre 2013

BNL propone il prestito Pensione Dinamica: sostenibile, semplice e flessibile, tutto allo stesso tempo. Vantaggi da un punto di vista del tasso di interesse.

Annunci pubblicitari

I prestiti per i pensionati vengono richiesti da chi ha una pensione di anzianità con cui poter garantire il rimborso del finanziamento. Questi prestiti sono concessi a pensionati che hanno entro una certa età alla data di pagamento dell'ultima rata (solitamente fino a 75 anni, anche se ci sono società finanziarie che concedono finanziamenti a pensionati fino a 80 o anche 90 anni).

Posso chiedere dei prestiti per pensionati?

I prestiti per pensionati possono essere chiesti con tutte le tipologie di pensione, tranne le seguenti:

Come posso fare richiesta?

La condizione fondamentale per chiedere dei prestiti pensionati è quella di fare richiesta presso l'ufficio locale INPS. La richiesta è fatta con l'obiettivo di avere la comunicazione di cedibilità, ovvero un documento dove si attesta l'importo massimo che si può pagare come rata mensile del prestito. Tale comunicazione deve essere esibita alla banca o alla società finanziaria al momento della richiesta di prestito.

Che vantaggi hanno i prestiti per pensionati?

I prestiti pensionati hanno dei vantaggi interessanti dal punto di vista della convenienza economica legata al tasso di interesse. Poiché sono prestiti "garantiti" dalla presenza della pensione mensile, il tasso di interesse è solitamente più vantaggioso rispetto a quello dei "classici" prestiti personali. Oltre a questo, il vantaggio di rimborsare la rata tramite la cessione del quinto garantisce la massima libertà di pensiero, dato che non occorre ricordarsi di dover pagare la rata, poiché avviene tutto in automatico.

Come si calcola la rata?

Il calcolo rata dei prestiti pensionati è molto facile e veloce e tiene necessariamente conto, per legge, della pensione minima mensile che, per l'anno 2013, è di 495,43 euro. La rata massima mensile che si può pagare è data dalla somma minima tra la quinta parte dell'importo della pensione netta (nel caso di una pensione mensile di 1.000 euro, la quinta parte è 200 euro) e la differenza tra pensione netta e pensione minima (sempre nell'esempio di prima, con una pensione mensile di 1.000 euro, la differenza è di 504,57 euro).

Prestiti per pensionati invalidi

La pensione di invalidità, di fatto, non vieta l'accesso al prestito, a patto di dimostrare una certa affidabilità e di mettere in evidenza come la pensione di invalidità consenta di rimborsare la rata mensile.