Sistema Retributivo Pensioni, come funziona?

Il sistema contributivo per le pensioni, vediamo come funziona e in che maniera cambierà il mondo delle pensioni nel nostro paese.

Pubblicità
Prestiti facili e veloci...
... a portata di click!
Preventivo Gratuito »

In Italia cambia tutto il mondo delle pensioni e a partire dal nuovo anno si passerà al sistema contributivo. E' questo infatti uno dei punti fondamentali del nuovo governo Monti, con cui il primo ministro italiano dovrà tentare di far uscire l'Italia fuori dalla crisi.

Sistema contributivo per le pensioni, di cosa si tratta e come funziona?

Ma come funziona il sistema contributivo? Praticamente, guadagna di più chi va in pensione più tardi. Le nuove pensioni, ora, non danno la garanzia di mantenere il reddito che si è ottenuto negli ultimi anni del proprio lavoro, ma l'importo della pensione verrà calcolato in base al totale dei contributi versati.

Ecco perché, chi va in pensione più tardi, è avvantaggiato, dato che ha la possibilità di versare un maggior numero di contributi. Al contrario, chi va in pensione prima, versando meno contributi riceverà una pensione mensile più bassa.

Le pensioni per i lavoratori dipendenti

Se sei un lavoratore dipendente, tu insieme alla tua azienda metterai da parte il 33% dello stipendio, ogni mese. Tutti i contributi versati nel corso della tua carriera lavorativa, rivalutati in base all'inflazione ogni cinque anni, andranno a far calcolare la pensione netta che riceverai una volta che ti sarai ritirato dal lavoro.

Le pensioni per i lavoratori autonomi

Nel caso di lavoratore autonomo, la somma che viene trattenuta ai fini della pensione è del 20%. Vale in ogni caso lo stesso discorso della quantità di contributi versati, rivalutata.

In entrambi i casi, la somma che viene versata come totale di contributi, verrà rivalutata secondo un certo coefficiente, che diventa tanto più alto per quanti anni di lavoro si sono fatti.

Chi è soggetto a questi cambiamenti?

Tutti, a partire dal 1° gennaio 2012. Per chi aveva già una pensione in corso di formazione, invece, si applica solo a coloro che, al 1996, avevano meno di 18 anni di contributi alle spalle.

Tutti coloro che, al 31 dicembre 1995, avevano già 18 anni di contributi alle spalle, avranno la pensione ancora calcolata con il "vecchio" metodo retributivo.

In ogni caso, questo vecchio sistema pensionistico cesserà di esistere a partire dal 2030.

Prestiti per i pensionati

Se sei un pensionato e hai bisogno di denaro, una delle soluzioni a cui puoi fare affidamento con la tua pensione, anche con il nuovo sistema contributivo, sono i prestiti a pensionati e si puo avere qualche esempio di tale prestito effettuando un calcolo della rata prestito a pensionati

Monday, 03 October 2016 - Autore: Gino Topini

Giudizi e Recensioni:

Nome *

Email *
(non verrà pubblicata)

Il tuo commento

Lasciando un commento, accetti le condizioni di privacy e di ricevere newsletter (no Spam!) con Offerte e Informazioni su prestiti e finanziamenti.